Rods test & Co

BLACK DEVIL SERIES

BD250-b

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La serie Black Devil della Temple Reef, canne studiate specificatamente per lo spinning pesante al tonno, dopo alcuni anni di onorato servizio viene completamente rinnovata sia nella veste grafica che nei contenuti tecnici. Le canne si presentano ora con sei modelli differenti in grado di soddisfare anche l’angler più esigente. Identificate con un numero che esprime, in libbre, il peso del pesce target teoricamente insidiato, le Black Devil 100, 150, 200, 250, 300 e 350 differiscono fra di loro anche per una accattivante grafica colorata. Costruite in materiale composito di ultima generazione sono molto leggere seppur estremamente robuste, qualità indispensabili in questo gioco estremo. La componentistica montata è di prim’ordine con anelli Fuji SIC MNSG, puntale Fuji MNST, porta-mulinello Fuji DPS 20LD finalmente dotato di locking nutche assicura un fissaggio stabile del mulinello alla placca. Le finiture sono di qualità veramente eccellente, legature perfette e aspetto aggressivo grazie a parti nero opaco che contrastano con parti nero lucido. Il manico, rivestito in EVA, è off set (butt joint) come per quasi tutte le canne di questo tipo presenti sul mercato.

The Black Devil series from Temple Reef is specifically studied for heavy spinning to BFT and now, after a few years on the market, its look and technical content are totally renewed. The series is now composed of six different models developed to satisfy the most demanding angler. Rods are identify with a number that refers to the supposed weight, in Pounds, of the target fish (Black Devil 100, 150, 200, 250, 300, 350 ). Each model has a different graphic color from the others.  Built with ultimate composite materials, the rods are lightweight but extremely strong, essential qualities in this big game. The components are Fuji SIC MNSG, tip Fuji MNST, reel seat Fuji DSP20LD finally with looking nut that firmly fixes the reel. The quality of the finish is excellent, perfect wrapping on guides and aggressive look thanks to black matte painted sections contrasting with glossy-black sections. All rods are in two pieces (butt joint) with EVA grip, like most of the similar rods on the market.

BD250-c

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BD250-d

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Partendo dai modelli dedicati alle esche più “leggere” diamo uno sguardo alle BD 100 e 150. La BD 100 è una 8’8” che dichiara un casting lure (peso dell’esca lanciabile) di 130 gr, PE 5/6 e 12 Kg di max drag mentre la sorella maggiore è leggermente più corta (8’3”) con un casting lure consigliato di 140g, trecciato PE 6-7 e 13 Kg di max drag. Passando all’analisi visiva delle canne posizionate sul rest a 30 gradi di inclinazione con 5 Kg di peso, si nota, caratteristica, comune a tutta la serie, un’azione tripartita: un “power lift” evidente nella schiena -indispensabile per combattimenti veloci dove l’angler non si affatichi troppo e il pesce possa essere rilasciato in perfetta salute non avendo accumulato nei muscoli troppo acido lattico, una parte mediana della canna con buona rigidità che garantisca un’azione continua con la vetta sensibile per gestire al meglio il movimento delle esche. Il tip non troppo rigido, diversamente dalle canne da popping tropicale, è una scelta dovuta alle esche normalmente utilizzate in questa tecnica sopratutto con tonni di taglia media: siliconici, poppers di piccole-medie dimensioni, stickbaits. La BD 100 con i suoi 8’8” e un’azione mediamente parabolica è consigliata, ad esempio, per le esche siliconiche che tanto successo hanno nel Mediterraneo. In alcune giornate, e non sono casi rari, con i cosiddetti “vermoni” alcuni equipaggi hanno ottenuto decine di strikes quando tutti gli altri artificiali classici non vengono neanche presi in considerazione dai tonni. La BD 150 con i suoi 8’3”, PE 6-7 e 13 Kg di max drag è perfetta per tonni fra i 30 e i 50 Kg,  una canna “poliedrica” che gestisce al meglio poppers di medie dimensioni, stickbaits e siliconici pesanti.

The lighter ones are rods dedicated to “small” lures. The BD 100 is an 8’8” that declares 130g of casting lure, PE 5/6 line and 12 Kg of max drag, the BD 150 is a little bit shorter (8’3”) with 140g of casting lure, PE 6-7 and 13 Kg of max drag.The visual analysis of rods, fixed on rest at 30°inclination pulling 5 kg of weight, points out a triple action of the blank: a great lifting power of the back – very important for landing tuna in short time that means less angler fatigue and more possibility to release the fish in good conditions-, a medium section of rod not too stiff for a perfect control and a sensitive tip that allows a great control on lure moviment. Concerning the tip sensibility, very different for example from the tropic popping rods, is a technical choice due to the lures usually used for medium size tuna: soft baits, small-medium poppers,  stickbaits. The BD 100 8’8 is a medium parabolic action rod and I personally use it for soft lures. At the moment, the silicon lure is the most successful amongst the anglers in Mediterranean sea. Sometimes, not so rarely indeed, it is possible to have ten or more strikes with this kind of lures, while other classiclures do not work. In my opinion, the BD 150 is the perfect rod for tuna of around 30/50 Kg of weight. With a length of 8’3, PE 6-7 and 13 Kg of max drag is a really versatile rod suitable for a wide range of lures like medium size poppers, stickbaits and heavyweight soft lures.

Confronto fra tutte le BD 100-150 con 5 Kg di peso a 30 gradi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 La Bd 200 è un’altra “vecchia conoscenza” in quanto facente parte della progenie della serie Black Devil insieme alla 100 e alla 300. Canna decisamente potente, ma allo stesso tempo sensibile, non sarebbe la mia prima scelta nel caso i tonni fossero attratti da piccoli artificiali di 70/80g ma permette di gestire con grande precisione artificiali di peso poco superiore con lanci lunghi e accurati. Lunga 8′ e con un max drag di 14 Kg, PE 6-8, è dotata di una grande riserva di potenza, tanto da stroncare la resistenza di un tonno da 50 Kg in pochissimi minuti. Un’altra “new entry” della serie Black Devil è la BD 250. Come per le BD 300 e 350 in questo caso la scelta è forse meno legata alla tecnica e all’artificiale -in quanto servono esche di dimensioni e peso generose- e più alla taglia media ipotetica del pesce da insidiare.

The BD 200 is one of the first model of Black Devil series with the BD 100 and BD 300. Powerful rod, but with a good sensibility, for sure it gives his best when tuna is attracted from lures weighted more then 120g. It allows long and accurate casts and with a max drag of 14 Kg it can destroys any resistance of 50 Kg tuna in a few minutes. The BD 250 is another new entry on the Black Devil series. Like the BD300 and 350, the rod choice doesn’t depend on the kind of lure you could cast -because generally we use large lures with those three rods– but it depends on the size of tuna living in the fishing area.

Confronto fra tutte le BD 200-250 con 5 Kg di peso a 30 gradi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non avendo avuto ancora modo di testare queste canne sui grandi tonni a cui sono dedicate, mi limiterò a mostrare le curve in trazione costante sul rest, in maniera che ognuno possa farsi un’idea della canna più vicina alle proprie necessità. Di seguito le foto comparative delle tre canne più potenti ovvero le BD 250, BD 300 e BD 350 sul rest a 30° con 7,5 kg di trazione costante.

As I haven’t had the opportunity to test these rods on big tuna yet, I decided to show the rods action on the rest, hoping that this can help you to choose the right one according to your expectations. Here are the comparative photos of three powerful Black Devils, the BD 250, BD 300 and BD 350 with 7,5 Kg traction at 30°.

Confronto fra le BD 250-300 con 7,5 Kg di peso a 30 gradi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Confronto fra le BD  300-350 con 7,5 Kg di peso a 30 gradi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Confronto fra le BD 250-350 con 7,5 Kg di peso a 30 gradi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TABLE

 

 

COPYRIGHT -ALL RIGHT RESERVED BY ANDREA PELLEGRINI- WWW.ANDREAPELLEGRINI.COM
VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE, DEL PRESENTE DOCUMENTO SE NON AUTORIZZATI IN FORMA SCRITTA DALL’AUTORE